corso di scrittura drammaturgia per il teatro dei buratttini

Incontrarsi per parlare di scuola e università in Italia. Problemi, riforme, successi e proposte.

ModeratoriCOLON sgrilla, Clara

mauriziomantani
MessaggiCOLON 2
Iscritto ilCOLON ven nov 21, 2008 12:37 pm
CONTACTCOLON

corso di scrittura drammaturgia per il teatro dei buratttini

Messaggio da mauriziomantani » sab gen 24, 2009 6:43 pm

“I burattini e il gran teatro del mondo”
Seminario di scrittura drammaturgia
per il teatro dei burattini
condotto da Gianluigi Gherzi
Sabato 4 e Domenica 5 Aprile 2009
Due giorni di incontro per riportare il burattino al centro della scena del mondo. Per aiutare il burattino a raccontare le grandi storie, quelle che riguardano il potere, l’amore, la guerra.

Nella storia del teatro il burattino non è mai stato considerato attore minore. Trova posto nelle piazze quando le compagnie di commedia dell’arte, troppo irriverenti e sbracate, ne vengono espulse, per necessità di decoro e perché mai si superi il limite di un innocuo intrattenimento. Il burattino riparte dal suo micro teatro, dalla sua baracchetta precaria, per raccontare le stesse storie, per chiarire che il potente va anche preso a bastonate e che nel giuoco del mondo le battaglie si vincono solo attraverso imprevisti e inusitati rovesciamenti.
Qualcuno si accorge della forza e della novità di quel lavoro. Allora molti parlano del burattino e della marionetta addirittura come di un superattore, capace di restituire l’universalità del mondo e delle condizioni, fuori e oltre psicologie limitanti e narcisistiche.
Chi pensa teatro epico, teatro eretico, teatro che si pone al di fuori di un ossessione mimetica della realtà, spesso pensa personaggi che richiamano la maschera, la marionetta, il burattino. Scrive drammaturgie efficaci, fulminanti e disossate, adatte alle caratteristiche di un attore di legno o di una presenza mossa dai fili di chi guida il gioco.
Ubu re, di Alfred Jarry, è uno di questi testi. Nato per scherzo, per buffa, per sfregio, dalla penna di un adolescente inquieto, diventa il testo fondamentale per un eretica tendenza poetica, chiamata patafisica, che sarà punto di riferimento per le più interessanti avanguardia artistiche del novecento.

Partiremo in questi due giorni dal testo di Jarry per restituire re Ubu e la sua banda alla loro natura di legno. Analizzeremo struttura e snodi principali del testo. Ci chiederemo quali sono oggi i nostri Re Ubu. Riempiremo la scena della baracca di tirannie e piccole macchine di potere, giocheremo con il mondo, ritroveremo il rapporto tra il nostro piccolo eroe di legno e la realtà complessa che ci circonda.

Finalità operative del seminario:

- Esercizi di comprensione del testo
- Esercizi di improvvisazione
- Esercizi di riscrittura e messa in scena del testo

Il laboratorio è riservato ad un numero massimo di 15-20 persone siano essi amatori del settore che professionisti.
Il laboratorio si terrà presso il Centro Culturale Polivalente Amarcord in via Suor Orsola Donati,86 Località Castelletto, Anzola dell'Emilia nei seguenti orari:
sabato 4 Aprile dalle ore 09:00
domenica 5 Aprile dalle ore 09:00
Il Costo del seminario è di € 130,00 a persona comprensivi del pranzo di sabato e del pranzo di domenica
Le iscrizioni sono aperte fino a sabato 21 marzo 2009, se entro tale data non sarà raggiunta la quota di 8 partecipanti il laboratorio verrà annullato.
E' possibile pernottare nella foresteria a partire da venerdì 3 aprile.
Ci si può iscrivere inviando una E-Mail a formazione@teatrinindipendenti.it oppure telefonando al 335 5950466
L'iscrizione si riterrà accettata solamente dopo il pagamento della quota d’ iscrizione.
Per maggiori informazioni visita il sito: www.teatrinindipendenti.it
BUTTON_POST_REPLY